venerdì 2 aprile 2010

Un amore di crostata per il piacere di colleghi (ma non i miei :-P)!!!



Tra le primissime cose che ho provato a preparare quando ho cominciato a pasticciare in cucina c'è senz'altro la pasta frolla...una valanga di fallimenti...
Chi se lo scorda più il 25esimo compleanno di mio marito, a casa di amici, quando una cuoca del tutto imperfetta e soprattuto inesperta, SENZA poter contare sul conforto e aiuto di una benchè misera bilancia  ha provato a fare la classica crostata di frutta...SE LA RICORDANO ANCORA TUTTI!!!

Giuro, m'è riuscito qualcosa d'indefinibile, credo d'aver fatto uno dietro l'altro TUTTI I POSSIBILI ERRORI BASILARI che si possano fare, sia per la frolla che per la crema, risultato???Uno strano disco scuro, biscottato e TOSTO COME UNA PIETRA, da spezzare tipo ultima cena e intingere in una crema pasticcera LENTA COME L'ACQUA...anzi, come il vino....forse c'era qualcosa di Sacro in quel dolce e non lo sapevo...E la frutta???
Niente, la frutta non si poteva accordare in nessumo modo al mio misticismo e ce la siamo dovuta mangiare a pezzi nei bicchieri AHAHAHAHAH!!!Che figuraccia...

Comunque n'è passata di farina sotto le mie mani in dieci anni e dopo una svariata serie di tentativi e fallimenti, dopo un'infinita documentazione sui perchè e i per come della frolla, ora posso dire CHE QUELLO CHE ERA STATO ODIO E PIANTO n tempo è diventato uno dei miei cavalli di battaglia, DATEMELA OGGI LA CASA DEGLI AMICI SENZA BILANCIA, altro chè....!!!

Sulla pasta frolla ho imparato che non ne esiste una sola, ce ne sono diverse (e lo scriveva anche l'Artusi, pensa tu) in base al loro utilizzo. Ci sono paste frolle fini (per pasticcini, biscotti, crostate con ganache) che si ottengono usando lo zucchero a velo e un pò più di burro, frolle più grezze (per la classica crostata di marmellata o della nonna) con lo zucchero semolato, frolle raffinate come ad esempio quella per realizzare gli ovis molis in cui i tuorli dell'uovo vanno uniti sodi (questa è una frolla che ADORO).Per saperne di più però consiglio questo post sulle frolle scritto da Pamir, è perfetto!!!

Ho imparato che la lavorazione della pasta frolla deve essere assolutamente rapida perchè il burro contenuto nell'impasto non deve riscaldarsi troppo, difatti l'impasto NON dovrebbe mai superare i 9° mentre lo si lavora, quindi l'utilizzo delle mani deve essere ridotto al minimo, avantaggiando l'uso di coltelli a lama lunga o cucchiai in metallo per formare "la palla; inoltre la frolla va lavorata pochissimo anche perchè la farina non deve sviluppare il glutine (cosa che di norme è fondamentale per gli impasti lievitati), non dobbiamo ottenere un impasto elastico che dopo la cottura diverebbe come il mio sfresbie di 10 anni fa, duro n'accidenti!

Insomma di cose ne ho imparate e con la frolla mi diverto a provare nuovi biscotti e crostate.

Da anni uso la ricetta de "La frolla perfetta" di Adriano Continisio e mi trovo benissimo, anche se ormai vado un pò a braccio e non rispetto più le sue dosi, il risultato rimane comunque davvero soddisfacente, come per questa crostata che ho preparato l'anno scorso per festeggiare il 34° compleanno di mio marito (tra 'na crostata e l'altra ne è passato di tempo) da portare in ufficio e condividere con in colleghi...ha avuto così tanto successo che a distanza di un anno mio marito me l'ha richiesta e adesso posto la ricetta!

CROSTATA DAL CUORE MORBIDO
 


Per la pasta frolla

360 gr di FARINA 0*
  40 gr di FECOLA*
200 gr di BURRO freddo in pezzi
200 gr di ZUCCHERO A VELO*
2 UOVA
1 pizzico di SALE*
1 punta di cucchiaino di LIEVITO* in polvere

Unire in un recipiente tutte le polveri* e unire il burro a pezzi, cominciare la "sabbiatura" facendo incorporare il burro alle polveri, come se si volesse briciolare insieme burro e farine, il burro piano piano formerà pezzi sempre più piccoli fino a mischiarsi del tutto alle farine, ottenendo un composto simile al pangrattato, bisogna fare in modo che il composto sia della stessa piccola "pezzatura", avere pezzi di burro qui e li non darà buoni risultati!!!

Unire a questo punto le uova e lavorare con un coltello a lama lunga o un cucchiaio di metello in maniera circolare, piano piano il composto si assemblerà sempre più, compattare velocemente con le mani, lavorando un minimo perchè ne risulti comunque un impasto omogeneo e non appiccicoso!!!! Formare una palla da far riposare in frigo per almeno 30 minuti avvolta in pellicola.

Per il ripieno

200 gr di crema di NOCCIOLE (io ho usato la Nutella, che mio marito adora!)
150 gr di PANNA fresca
80 gr MANDORLE tritate grossolanamente

Unire in una ciotola la panna intiepidita, la crema di nocciole (se è molto compatta conviene riscaldarla a bagnomaria) e le mandorle. Ottenere un composto cremoso, se il composto risultasse lento unire ancora della mandorle (tritate più finemente però), al contrario unire un pò più di panna. Putroppo questa è stata per ben due volte una crema estemporanea e ottenuta "a sentimento" quindi le dosi non sono precisissime...ma il risultato è sempre OTTIMO!

Composizione

Prendere la nostra frolla e metterne un terzo nel freezer (c'è scritto freezer, non mi sono rincretinita sbagliata :-P), rivestire con i due terzi una teglia in questa maniera: stendere l'impasto con l'ausilio di due fogli di carta forno, spolverizzandolo con un ADEGUATA dose di farina (in modo tale che non appiccichi nè al foglio di sopra nè a quello di sotto).
Imburrare una teglia tonda e infarinarla, eliminare l'eccesso di farina dalla pasta e arrotolarla delicatemente a un mattarello!!!
ATTENZIONE.La pasta si troverà per pochi secondi arrotolata su se stessa perciò è bene che sia stata infarinata a dovere (SENZA ESAGERARE!!VI ASSICURO CHE SI PUò FARE!!!), poggiare il mattarello ormai "avvolto" dalla frolla sul bordo della teglia (il bordo più lontano a noi!!!!!) e cominciare a srotolare il mattarello verso di se, in modo tale la pasta cada sulla teglia, comprendola.
Con l'aiuto delle mani far aderire meglio l'impaso entro i bordi della teglia e per eliminare la frolla che deborda basterà ripassare il mattarello sulla teglia stessa, in questa maniera avrete un guscio perfetto di frolla e non il collage che può capitare!!!
Punzecchiare il guscio coi rembi di una forchetta, versare la crema e prendere la frolla che avevamo messo nel freezer, questa pezzo di frolla andrà grattuggiato con un grattugia a fori larghi direttamente sulla crema, farne uno strato uniforme e infornare a forno PRERISCALDATO a 180° per una ventina di minuti....ma ogni forno è diverso perciò OCCHIO!!!

28 commenti:

  1. Prima di tutto grazie per l'onore che mi hai fatto, grazie davvero. Le crostate sono la mia passione, le adoro e adoro la pasta frolla. Di fallimenti, in genere, ne posso raccontare a pacchi, sic, invece con la frolla ho sempre avuto un gran feeling, fin da quando ero piccolina. La crostata era già il mio cavallo di battaglia quando avevo solo 12,13 anni!
    Mentre aspetto che escano dal forno le pastiere (scontato, ma si può rinunciare?) ti mando un grandissimo gram e mille auguri.

    RispondiElimina
  2. Allora la tua frolla è proprio una garanzia! già dalle foto ci sembra una torta proprio buona e dolcissima!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Decisamente l'esperienza ti ha portato a degli ottimi risultati!!!
    Buona pasqua!!!

    RispondiElimina
  4. Pamir...la crostata a 12/13 anni???NOOOOO!!!Avevi già un destino segnato!!!Troppo BRAVA!!!Io ringrazio te per avermi dato l'ooportunità di conoscere il tuo blog...non solo è davvero un piacere leggerlo, ma ci sono tante informazioni UTILI!!! :-*

    Chi ringrazio Manu o Silvia :-) ????
    FACCIAMO ENTRAMBE!Ormai come scritto io e la frolla siamo diventata grandi amiche!!!Come si dice: Se non vuoi averlo come nemico....

    Graziella BUONISSIMA PASQUA ANCHE A VOI!

    RispondiElimina
  5. Complimenti...questa torta collaudata me la segno... è meravigliosa!:)

    RispondiElimina
  6. squisito da leccarsi il piatto...
    si può??

    che carino il tuo blog...
    ti lascio il mio nuovo indirizzo
    http://unpodibricioleincucina.blogspot.com/
    se ti và passa a trovarmi.. ^_^
    mercy

    RispondiElimina
  7. Terry grazie per la fiducia!!!Se la dovessi provare fammi sapere!! :-*

    Anna, se puoi leccare il piatto???Si che si può...se non c'è nessuno in giro però è meglio!;-*
    Prendo subito nota anche del cambio indirizzo e non appena posso vengo a fare un giretto dalle tue parti!

    RispondiElimina
  8. Questo post è una vera manna! E sì, perchè io sono abbastanza negatina con la frolla...ecco perchè ho tantoi aprezzato i tuoi consigli! Grazie cara.

    RispondiElimina
  9. Toc Toc.. che fine ha fatto la mia Omonima??? mamma che delizia questa tortina... baciozzi

    RispondiElimina
  10. Non conoscevo il trucco della frolla da grattugiare sulla crema: proverò quanto prima :))

    RispondiElimina
  11. hahaha.. mi è piaciuto molto il tuo racconto sulla prima crostata di frutta fresca che hai fatto. Anche a me è capitata una cosa simile: avevo 13anni e volevo fare un dolce da offrire a tutti i parenti che venivano a casa a fare gli auguri per la comunione a mia sorella. Ho iniziato a preparare la frolla alle 14, erano le 17 ed ero ancora lì ad impastare (con grande sfuriata di mia madre :)

    Bellissimo blog e ottima crostata

    RispondiElimina
  12. ciauuu, forse mi son persa il tuo indirizzo e-mail, vorrei scriverti, sapere se questa assenza dal blog ha motivazioni particolari, insomma, vorrei avere tue notizie!!! spero tu stia bene benissimo, spero sia tutto a posto e tu sia solo indaffarata a infornare e mangiare le infornate :)
    un abbraccio forte forte. michi

    RispondiElimina
  13. Errori se ne sono fatti e io continuo a farne... però vedo che adesso i risultati sono di gran lunga migliorati ;)))
    Bellissimo il trucco di grsttuggiare la pasta frolla, dovrò provare anche io e poi, visto che io la faccio gluten free, dovrebbe pure venirmi buona, visto che la sua peculiarità è quella di non stimolare il glutine.
    A presto
    Stefania

    RispondiElimina
  14. cara valentina,
    sono capitata oggi sul tuo blog e subito ti ho messa tra i preferiti: dopo il post sulla crostata divina....non potevo fare altrimenti....ma vedo che da aprile niente più post, spero che tutto vada bene, anche in modo imperfetto...ma bene! dai un segno...se puoi
    non ho fretta...tanto devo leggermi i tuoi 3 anni di ricette..ne ho cose da imparare...

    RispondiElimina
  15. Ciao,
    la frolla è proprio uno dei miei blogghi culinari. Dico ora la provo e poi trovo mille scuse e alternative. La tua è veramente splendida.
    un Sorriso...

    RispondiElimina
  16. E chi se la scorda quella crostata! (ndr sono una collega di tuo marito.. ora anche tua) WOW WOW WOW! Guarda che fra pochi mesi è il mio compleanno, ne faresti una anche per me?! ^_^ Grande Vale, bellissimo questo 'angolo di cucina', sa proprio di casa.. CC

    RispondiElimina
  17. Complimenti, un amore di torta!

    RispondiElimina
  18. Ciao Valentina, mi sono fatta un giretto nel tuo blog e devo dire che è veramente delizioso come questa bellissima crostata!!! Tornerò volentieri a farti visita...un bacio!!!

    RispondiElimina
  19. mmm deve essere veramente buona!...poi con la nutella il gusto raddoppia!!

    RispondiElimina
  20. Mi hai fatto venire una voglia di crostata!!! E poi che mondo sarebbe senza nutella... bravissima.
    Non posso che aggiungermi ai tuoi followers. Se ti va passa a trovarmi anche tu.
    A presto

    RispondiElimina
  21. buondì!
    Navigavo per il web, cercando blog vari e ti ho trovato!
    visto che sono molto interessata a scoprire nuove ricette e

    conoscere persone che condividono il mio stesso interesse, ho

    deciso di unirmi al tuo blog per avere tutti gli aggiornamenti!
    Anch'io ho un blog di cucina:

    http://quintopeccatocapitale.blogspot.com/

    se hai voglia puoi venire da me!Sono allergica al nichel

    quindi è un blog specifico ma puoi trovare tantissime ricette!
    Baci e ci si legge in rete!
    Angelica

    ps: hai un'email alla quale scriverti?
    ma non scrivi più sul blog?

    RispondiElimina
  22. Ciao Cuoca imperfetta, mi piace questo nome!
    Perchè non partecipi al mio contest

    http://dolciechiacchiere.blogspot.com/2011/10/il-mio-primo-contest.html

    RispondiElimina
  23. Il ripieno mi sembra una cosa fantastica, buono davvero. Io l’ho sempre fatta con la marmellata ma questa la provo di sicuro. Grazie mille. Sara M.

    RispondiElimina
  24. Gent.ma, ti inviterei a leggere questo mio post e, se interessata, a farti sentire.
    http://lacuocacialtrona.blogspot.it/2012/10/semplicita.html
    Grazie, a presto
    Valentina

    RispondiElimina
  25. Grande blog, verrò di nuovo qui!
    La ricetta è incoraggiante, sembra grande!

    RispondiElimina
  26. Passa da me…c’è un pensiero per te:
    http://papricaecannella.blogspot.it/2014/03/premio.html
    Giulia

    RispondiElimina
  27. Salve. Questa crostata ha un aspetto delizioso. Complimenti!! Dato che vorrei provarla a fare vorrei un chiarimento se possibile. Per la farci tuta bisogna usare panna da cucina o panna per dolci?

    RispondiElimina